Museo Geo Bruschi

settembre 2022

Buon anno scolastico 2022/2023

Questo è il periodo  in cui libri e quaderni tornano negli zaini.
Buona scuola agli studenti di tutte l'età !!
Benin - giovani studenti 1996.

Le foto di Geo e gli eventi del Museo

 Piazza Vittorio Emanuele II, 9 Pontassieve

Il "Centro Studi Museo Geo" è stato inaugurato Il 18 maggio 2014, si trova in piazza Vittorio Emanuele II a Pontassieve. ed è il primo museo comunale permanente di Pontassieve.

Nelle sale del museo si trovano fotografie, oggetti archeologici e maschere provenienti da tutto il mondo, frutto dei viaggi del fotografo Eugenio, da tutti conosciuto come GEO, Bruschi che, nel corso della sua vita ha visitato più di 130 paesi in tutti i continenti. Il Museo dà quindi espressione agli aspetti più etnici, senza però tralasciare, al contempo, quelli che sono gli artisti di livello locale, le cui mostre vengono quotidianamente ospitate all'interno dell'edificio.


IL MUSEO

Il "Centro Studi Museo Geo", è stato inaugurato il 18 maggio 2014 in piazza Vittorio Emanuele II, presentandosi come il primo museo comunale permanente di Pontassieve. Le sale al suo interno sono adornate da oggetti archeologici, fotografie di reportage e maschere provenienti da tutto il mondo, frutto dei viaggi del fotografo Eugenio GEO Bruschi che ha visitato più di 130 paesi. Il Museo dà quindi espressione agli aspetti più etnici, senza però tralasciare, al contempo, quelli che sono gli artisti di livello locale, le cui mostre vengono quotidianamente ospitate all'interno dell'edificio.

GEO BRUSCHI 

Geo Bruschi nasce nel luglio 1930 da mamma Celestina e babbo Gino a Firenze, frequenta le scuole elementari Badia a Ripoli e, dopo le medie, si diploma in Ragioneria.
Gli anni giovanili, i ricordi della guerra e della rinascita italiana saranno di fondamentale importanza nella sua formazione culturale, nella crescita del temperamento e ne caratterizzeranno tutta la sua personalità.
Da sempre amante di avventure e instancabile curioso delle scoperte e delle novità del mondo che lo circonda, a soli 19 anni la sua prima scorribanda, parte da Firenze con la Vespa e raggiunge Amburgo, era l'anno 1949. leggi tutto ►


il Blog del MuseoGeo

Di sotto trovate gli articoli pubblicati a cura della Direttrice del Museo : Laura Bati sul Blog del Museo. Non c'è una cadenza prefissata, anche perché il collegamento con i Social viene curato attraverso la pagina Instagram e Facebook. In questa sezione troverete quindi una serie di articoli relativi ad argomenti permanenti relativi al Museo e ad aneddoti dei  viaggi di Geo. 

Evento di fine anno scolastico dei ragazzi della 1C Maltoni

Splendido evento di fine anno scolastico dei ragazzi della 1C Maltoni musicale al Museo Geo.
Dopo aver studiato la storia delle trasformazioni del nostro territorio da Castel Sant'Angelo a Pontassieve i ragazzi hanno fatto una lezione ai genitori.
Grande l'emozione dei ragazzi che hanno imparato a parlare in pubblico e grande la commozione dei genitori che con gioia hanno applaudito.
Approfondire la storia dei nostri luoghi insieme a voi è stato fantastico. Grazie

il Museo Geo partecipa  alla 53° Edizione del Toscanello d'oro.

All'interno della della 53° edizione del Toscanello d'oro  Presso il Museo Geo Bruschi si terranno 4 importanti iniziative:
Mercoledì 1 Giugno 16:00>19:00 :  Convegno : “La cura dei margini. Dove i muri costituiscono un valore” Riflessioni su muri, recinzioni e fasce di rispetto nel paesaggio toscano a cura della Commissione territoriale Valdisieve e Valdarno dell’Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti Conservatori di Firenze – 3 crediti formativi per architetti. Introduce e modera Raffaella Grilli, Commissione Valdisieve e Valdarno dell’ Ordine degli Architetti PPC di Firenze. Intervengono: - Michele Cornieti - Funzionario Architetto Ministero per i Beni e le Attività Culturali e il Turismo - Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Firenze e le province di Pistoia e Prato - Fabio Carli - Responsabile Servizio Pianificazione territoriale associato Comuni di Pontassieve e Pelago - Fausto Ferruzza – Segreteria Nazionale di Legambiente con delega al Paesaggio - Roul Fiordiponti - Comitato tecnico scientifico Ecomuseo Montagna Fiorentina - Pierluigi Giroldini - Funzionario archeologo - Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Firenze e per le province di Pistoia e Prato - Agnese Gori - Sintesi di tesi di laurea in architettura.

Giovedì 2 Giugno h 10:30: Incontro formativo: “La prima impressione conta: racconta, fotografa, emergi!” Alla scoperta delle pratiche efficaci per la gestione autonoma di canali social. A cura di Elisa Mancini e Andrea Nuti.

Sabato 4 Giugno h 10:30 : Mostra “La Città di Firenze e la Cupola impossibile ” - Firenze, il cantiere della Cupola e i modellini delle macchine ideate da Brunelleschi. A cura dell’Architetto Massimo Ricci Visita guidata dal Prof. Massimo Ricci Ingresso libero fino ad esaurimento posti.

Domenica 5 Giugno h 18:00“La Toscana con gli occhi di un monaco Vallombrosano del XVI sec.” Conferenza a cura di Lucia e Luciana Bigliazzi.

CONOSCERE LA DIVERSITÀ.

Conoscere la diversità 

7 - 14 - 21 - 28  Maggio, presso il Museo Geo

L’iniziativa ha l’obiettivo di mettere in collegamento adulti, svantaggiati e no, con la diversità di mondi altri, così da favorire una riflessione su sé stessi e sulle differenze con l’altro. Lo scopo è quello di insegnare che essere diversi non è un ostacolo, ma uno dei tanti modi attraverso il quale partecipare alla vita sociale; poter leggere il rispetto verso sé stessi attraverso quello degli altri; saper vedere le proprie difficoltà come opportunità per fare le cose e poter affermare la propria esistenza e la non univocità dei comportamenti e delle fisicità. Questo sarà possibile farlo tramite una mostra fotografica, valorizzata da racconti ed episodi, e un confronto postumo tra i partecipanti sul tema della diversità.

La valigia delle Idee – Associazione di promozione sociale

Programma giornaliero:
16:00 Visione delle fotografie di Geo Bruschi scattate durante i suoi viaggi intorno al mondo
16:30 Spiegazione delle immagini visionate da parte dei conduttori
16:45 Racconto delle esperienze e degli aneddoti di Geo Bruschi
17:00 Risposta ad un questionario anonimo da parte dei partecipanti
17:30 Discussione e confronto tra presenti.

Se interessato, puoi iscriverti a questo link
Per informazioni : 339/6485935

green pass secondo normative vigenti - massimo 19 persone

In collaborazione con : Cesvot; La Valigia delle Idee ; Comune di Pontassieve

La città di Firenze e la Cupola impossibile

La Mostra intende presentare l'insieme composto dalla Città di Firenze e dai suoi cittadini che predispose e rese possibile la costruzione della Cupola del Brunelleschi, giudicata a buon giudizio "impossibile" dagli stessi costruttori che fino ad allora avevano lavorato sulla immensa Cattedrale, iniziata ai primi del '300.

La presentazione si estende alla vera e propria costruzione della Cupola del Brunelleschi, illustrando l'ipotesi più accreditata sul sistema costruttivo da lui inventato per renderne possibile la COSTRUZIONE.

Si è posta particolare attenzione a porre in risalto degli aspetti correlati a questa impresa fra gli Enti più coinvolti, come le Arti e Mestieri e argomenti inerenti l'attività costruttiva che vanno dalla scrittura dei documenti e tenuta dei registri di cantiere alla moneta con cui venivano pagati i lavori ai sistemi di misura allora vigenti (tradotti per comodità al moderno sistema metrico-decimale).

A questi argomenti è aggiunta la presentazione della vita del grande Maestro, con un ampio prospetto cronologico e l'individuazione analitica della posizione della casa ove visse e morì.

Si presenta l'aspetto tecnologico della costruzione della Cupola con particolare attenzione alla rappresentazione analitica e scientifica delle macchine inventate e realizzate dal Maestro per la sua realizzazione, i cui disegni sono giunti fino a noi per merito degli architetti ed ingegneri che lo hanno seguito, primo fra tutti lo stesso Leonardo da Vinci.

Un altro settore trattato è quello relativo ai materiali da costruzione ed alla individuazione delle cave storiche da cui provenivano, in modo particolare per la pietra ed i marmi.

Riassumendo, la Mostra presenta uno spaccato molto dettagliato del periodo storico e dell'impresa della costruzione della Cupola con molto materiale che viene documentato per la prima volta e viene posto a disposizione degli studiosi e delle scuole.

PROF. ARCH. MASSIMO RICCI

SABATO 19 FEBBRAIO  2022   ORE 16:30

Presso il Museo GEO : Presentazione del Libro di Leandro Giribaldi
Un' ombra è soltanto un' ombra. 
Una guida alla storia del cinema raccontata da grandi registi.

Massimo 25 partecipanti - prenotazione obbligatoria entro Venerdi 18 Febbraio  tramite mail  a sez.valdisieve@socicoop.it

necessario green pass.